La Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato l’Italia per non aver agito con sufficiente rapidità per proteggere una donna e i figli dalle violenze familiari (CEDU, 2/3/2017, n. 41237/14)

Documento riservato
Per continuare a leggere i contenuti di questa pagina è necessario essere abbonati

Sei già abbonato?
Effettua il login, inserendo nome utente e password negli appositi spazi

Hai dimenticato la password?

NON SEI REGISTRATO? registrati subito CLICCANDO QUI.